ELEZIONI Di Rienzo punta alla riapertura della Basilica benedettina

Il candidato sindaco: "Dobbiamo sfruttare la frazione per il commercio"

Il candidato sindaco Angelo Di Rienzo

“Punteremo su Sant’Angelo in Formis, uno dei borghi più belli d’Italia”. Angelo Di Rienzo ‘tocca’ la splendida frazione di Capua e da candidato sindaco pone come uno degli obiettivi primaria della sua campagna elettorale la valorizzazione di tutta l’area.

“Sant’Angelo in Formis è Capua, non è una frazione. Ed è importante per la nostra comunità per due validissimi motivi: il primo riguarda, ovviamente, la Basilica benedettina, mentre il secondo è legato alla vicinanza con il casello autostradale”. Angelo Di Rienzo tocca prima il punto legato alla Basilica che “oggi è interdetta al culto e ai visitatori nonostante sia stato avviato un percorso per poterla far riconoscere come patrimonio dell’umanità Unesco. Oggi invece questo percorso è stato brutalmente interrotto, negando ai cittadini e a coloro che in passato visitavano Capua, il nostro splendido patrimonio artistico e culturale. Non mi fermerò un attimo dopo le elezioni, voglio che questa Basilica benedettina venga riconosciuta con il titolo che le spetta. Lavoreremo per riaprirla al culto, per donarla non solamente ai capuani ma a tutti gli amanti dell’arte. Dobbiamo rilanciare la qualità artistica e culturale di questo borgo”.

Sul casello autostradale Di Rienzo ha le idee chiare: “Sant’Angelo in Formis per la sua vicinanza al casello è ogni giorno all’attenzione del traffico veicolare. Dobbiamo sfruttare la sua posizione per trasformarla in ricaduta positiva per il commercio e per gli insediamenti del terziario che andremo a collocare su questa strada. Lo ripeto, Sant’Angelo non è una frazione e merita di ritornare ad essere il gioiellino di Capua”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento