Festa della Legalità a Curti con Don Luigi Merola e l’avvocato Simeone

Nell’occasione presentato il libro dell’onorevole Antonio Del Monaco ‘Il Politomane, la storia di Francesco’

Don Luigi Merola a Curti

Si è svolta oggi pomeriggio alla Biblioteca Comunale, in occasione del 25° anniversario del sacrificio di don Peppino Diana, l’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Antonio Raiano ha invitato la cittadinanza all’incontro in cui è stato presentato anche il libro “Il politomane la storia di Francesco” dell’onorevole Antonio del Monaco, componente della commissione ecomafie. L’incontro è iniziato con la proiezione di un filmato dedicato a don Peppino Diana a cui è seguito l’intervento del Sindaco Raiano. La parola è stata poi data a don Luigi Merola, Presidente della Fondazione ‘A voce’ d’e creature’ che ha sede nella storica villa di bambù confiscata alla criminalità organizzata. Il sacerdote napoletano è stato accompagnato dall’avvocato Giuseppe Simeone, responsabile della provincia di Caserta della Fondazione. A concludere l’onorevole Antonio del Monaco autore del libro. Il politomane vive un forte disagio che, spesso, può sfociare in una vera e propria patologia di tipo psichiatrico. Egli alterna una forma di bipolarità con forti segni maniacali nella gestione e utilizzazione del potere, e una fase depressiva legata alla fobia e alla disperazione nel timore della perdita del potere. Il suo legame con la politica è di natura tossica, con una grave forma di dipendenza. Nella sua tossicità, il politomane vive il suo ruolo in un autentico delirio di onnipotenza, curando eccessivamente la sua immagine, e ricercando visibilità attraverso la manipolazione e la millanteria. Egli ha difficoltà all’ascolto attivo, ascolta gli altri con grande superficialità; il suo unico pensiero è il mantenimento del potere, non mollare mai la “sedia”. Questo stesso pensiero lo porta ad una ruminazione mentale che, nel tempo, diventa ossessiva e compulsiva, spingendolo ad una totale disperazione che può renderlo anche aggressivo. Il primo intervento terapeutico, allora, è quello di allontanarlo dal suo oggetto del desiderio, dal mondo della politica, perché la sua personalità inquinata deve essere necessariamente curata lontano dal “palazzo”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Sequestrati 200 kg di prodotti in un bar-pasticceria

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Trovato morto in casa: è stato ucciso a coltellate

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

Torna su
CasertaNews è in caricamento