Distributori automatici 'abusivi' negli uffici del Comune

L'Ente di Aversa, dopo aver scoperto il caso, ha ordinato ai proprietari la rimozione

Tre distributori automatici di snack e bevande installati senza alcuna autorizzazione negli uffici del Comune di Aversa in piazza Municipio. È quanto scoperto nelle scorse settimane, una vicenda incredibile che ha spinto il dirigente agli Affari Generali Giuseppe Nerone a firmare una ordinanza contro la società IVS Italia Spa, che dovrà provvedere entro sette giorni alla rimozione delle apparecchiature.

Come emerso dai controlli, ai tre distributori automatici manca “qualsivoglia atto, documentazione autorizzatoria all’installazione degli stessi”. Inoltre al Comune non era pervenuta, dopo la pec inviata alla società nella quale si dava avviso dell’avvio del procedimento, alcuna controdeduzione o documentazione “attestante la sussistenza di alcuna autorizzazione, Scia o voltura”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante il provvedimento preso dal dirigente, resta comunque il mistero su come sia stato possibile installare i tre distributori senza alcuna autorizzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento