La guerra dei comandanti finisce a colpi di denunce

Non si assopisce la battaglia tra l’ex Di Nardo ed il Comune. E spunta una indagine per minacce

L'ex comandante della polizia municipale Antonio Di Nardo

Il clima è tutt’altro che tranquillo nel comando della polizia municipale di Mondragone dove è in atto ancora una guerra tra comandanti. 

Il provvedimento di sospensione di 10 giorni notificato nelle scorse settimane all’ex capo dei vigili urbani Antonio Di Nardo ha provocato ulteriori e numerose conseguenze. Che sono sfociate anche in due denunce: una presentata dallo stesso Di Nardo dopo la chiusura del lavoro dell’Ufficio Procedimenti Disciplinari; l’altra addirittura precedente, che ha visto l’attuale comandante David Bonuglia denunciare per minacce il suo predecessore, con tanto di apertura di un fascicolo da parte della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. 

Una situazione tesissima nella quale è finita in ballo anche la segretaria comunale Antonia Elia che, secondo quanto asserito dall’ex comandante Di Nardo, non avrebbe provveduto a mettere a disposizione dello stesso gli atti richiesti e necessari per la sua difesa, sollevando una sorta di conflitto di interessi proprio collegata alla denuncia presentata. 

E’ facile prevedere che la battaglia legale e giudiziaria non avrà “vita breve” ed attendiamo ulteriori colpi di scena nelle prossime settimane.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento