Immobile del clan da demolire, giallo sugli atti ‘scomparsi’ in Comune

Il caso denunciato dal sindaco Velardi dopo le sollecitazioni della Procura

La nota che il sindaco Velardi ha ricevuto dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere

Una vicenda con diverse ombre quella rivelata dal sindaco di Marcianise Antonello Velardi in merito alla demolizione di un immobile abusivo nella periferia della città, di proprietà di un soggetto appartenente ad una nota famiglia esponente di un clan locale. Dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere nei giorni scorsi è arrivata infatti al primo cittadino una nota di sollecitazione per intraprendere le procedure per la demolizione dell’immobile di via Lucca, definito dallo stesso Velardi “simbolo del potere di tale sodalizio e, soprattutto, delle gravissime inefficienze e complicità degli uffici del Comune di Marcianise”.

“Di tale demolizione avevo parlato in precedenza con lo stesso Procuratore che si era sorpreso per le difficoltà di reperimento della relativa documentazione, risalente negli anni”, spiega Velardi, che poi rincara la dose. “In buona sostanza – afferma il sindaco - qualcuno aveva fatto sparire le copie delle notifiche, intralciando l'attività dell'autorità giudiziaria. Di fronte alla mia successiva insistenza con gli uffici, la documentazione è improvvisamente, come d'incanto, riapparsa”.

immobile procura-2

Velardi continua quindi a puntare il dito contro gli uffici comunali: “Questa vicenda la dice lunga su come funzionavano le cose negli uffici comunali e qual era il grado di - uso un eufemismo - diligenza con cui le pratiche venivano trattate. Mi fa piacere che finalmente la pratica sia andata a buon fine, adesso saremo velocissimi nell'eseguire l'azione che la magistratura ci chiede. Mi fa ulteriormente piacere che venga dato subito un altro segnale e che emerga, con chiarezza, da che parte sta l'amministrazione comunale da me guidata”.

Infine un messaggio che sa di addio alla carica di sindaco, dopo settimane di scontri col Pd e con il “d-day” in programma il prossimo 24 aprile, quando si voterà il bilancio in Consiglio comunale: “Mi farà ancora più piacere riuscire a concludere la mia esperienza amministrativa a Marcianise con un atto dal così forte valore simbolico: noi siamo dalla parte dei cittadini onesti e contro ogni prevaricazione, senza se e senza ma”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arrestato il patron della 'Clinica Pineta Grande'

  • Bollo auto, quando pagarlo e come ottenere la riduzione nel 2020

  • Terribile schianto sulla Nola-Villa Literno: due feriti gravi

  • Bollo, sconto del 10% anche a Caserta: ecco come averlo

  • Reddito di cittadinanza, sospiro di sollievo per 100mila beneficiari

  • Non supera il test di Medicina, il giudice ordina all’Università di farle ripetere la prova

Torna su
CasertaNews è in caricamento