Crisi rifiuti, assessore e vice sindaco nel mirino: “Devono dimettersi”

Le accuse da parte di ‘Città di Idee’: “Manifesta incapacità di Bove e Liccardo”

Il vice sindaco Gigi Bove e l'assessore Salvatore Liccardo

"I maddalonesi meritano una città normale e vivibile, oggi invece siamo in una città anormale e decisamente invivibile. BoveLiccardo farebbero bene a dimettersi per manifesta incapacità”. È il commento durissimo del movimento Città di Idee in merito alla crisi rifiuti in atto a Maddaloni, dopo la comunicazione dell’Ente ai cittadini di tenere i rifiuti, in particolare l’umido, nelle case fin quando non sarà possibile la raccolta.

“Chi amministra decide e si assume la responsabilità, non aspetta il problema e poi corre ai ripari - accusano dal movimento -  L’amministrazione era al corrente della situazione ma nessuno, e sottolineiamo nessuno, ha mosso un dito. Bisognava fare una gara d’urgenza e affidare il servizio, temporaneamente, ad altra società. Avere l’umido in casa è un’idea balorda che tiene i cittadini maddalonesi in ostaggio dell’incapacità della squadra del sindaco De Filippo. L’assessore Liccardo e il vicesindaco Bove sono due personaggi in cerca di autore, la politica, quando è possibile, deve operare per prevenire qualsiasi problematica”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Sequestrati 200 kg di prodotti in un bar-pasticceria

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

  • Sacerdote litiga coi fedeli e abbandona la messa

Torna su
CasertaNews è in caricamento