La Zagaria a muso duro: "De Rosa fa campagna elettorale contro il Pd"

La consigliera, contro la quale c'è una richiesta di espulsione, polemizza col segretario e col sindaco dopo il consiglio comunale sul Rendiconto

Raffaella Zagaria

La costituzione del gruppo consiliare ViviAmo Casapesenna è stata accompagnata da non poche polemiche tra maggioranza e opposizione nel corso dei lavori del consiglio di questa mattina. I consiglieri Raffaella Zagaria e Carmine Piccolo hanno rintuzzato il sindaco Marcello De Rosa e il gruppo che sostiene la maggioranza. "Io non abito a Casapesenna ma probabilmente la vivo molto di più del segretario del Pd locale, tal Nocera (che ha chiesto la sua espulsione dal Pd, ndr), al quale sfugge che sono anni che mi trovo all’opposizione, che da anni ho dichiarato la mia indipendenza dal gruppo Pd di Casapesenna – ha specificato Raffaella Zagaria - ho sempre espresso voto favorevole agli atti deliberativi (ben pochi in realtà), quelli ove si è proposto qualcosa di propositivo per il paese. Invero ho espresso il mio dissenso, in molte e molte occasioni, e non solo, in Consiglio. Non ho mai condiviso la gestione amministrativa autarchica della maggioranza così come negli scorsi Consigli Comunali, ove in un caso ad una mia richiesta di Convocare i Consigli Comunali nel pomeriggio anziché di mattina, al fine anche di una maggiore partecipazione popolare mi si risponde: si fa così e basta.  Nell’ultimo Consiglio Comunale ove, insieme al Consigliere Piccolo, abbiamo motivato la nostra assenza ritenendo non legittimo il Consiglio Comunale per mancata convocazione della Conferenza dei Capigruppo in dispregio del Regolamento del Consiglio Comunale".

Zagaria chiama in causa anche il sindaco. "Sfugge inoltre al Segretario del Pd che il Sindaco Marcello De Rosa sostiene e promuove anche pubblicamente la candidatura di un sindaco di lista civica nel paese di Orta di Atella (Andrea Villano) contrapponendosi alla candidatura del sindaco Pd Vincenzo Gaudino, ancora una volta due pesi e due misure, al Sindaco Pd De Rosa è permesso tutto, dovrebbe, qualora si professi super partes chiedere l’espulsione anche del suo Sindaco – è andata avanti - Sfugge ancora al Segretario che non sono mai stata dirigente locale del Pd, non mi sono mai iscritta al Pd di Casapesenna, semmai sono dirigente Regionale e Nazionale del Pd: mi chiedo ma li conosce i suoi iscritti? Questo pone seri dubbi sul modus operandi del tesseramento di Casapesenna".

Più tecnico, invece, l’intervento del consigliere Piccolo rispetto alla manovra di bilancio. «Il rendiconto 2017 presenta inesattezze ed i numeri riportati tra il Bilancio dell’amministrazione e del tesoriere non coincidono: come è possibile tutto ciò? – precisa - sono evidenti le incongruenze, i numeri sono numeri. Sono peggiorati gli incassi in conto competenza con residui di circa 5.000.000 milioni di euro a rischio inesigibilità». «Come è possibile che sia stata pagata già la società Euro servizi srl per importo di 345 mila euro e non si è riconosciuto il debito fuori bilancio da parte dell’ente - ha riferito la Consigliera Raffaella Zagaria - come è possibile ciò?».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

  • 11 ARRESTI Spaccio di coca col 'permesso' dei Casalesi, sgominate le bande

  • Sequestrati 200 kg di prodotti in un bar-pasticceria

Torna su
CasertaNews è in caricamento