ELEZIONI Arriva la Carfagna ma le autorizzazioni non ci sono

Il caso denunciato dal sindaco uscente: "Era tutto abusivo"

Il palco allestito per il comizio di Mara Carfagna

Uno scarno foglio scritto a mano per autorizzare il comizio di Mara Carfagna a sostegno del candidato sindaco del centrodestra a Castel Volturno Luigi Petrella. È quello presentato dalla stessa aspirante fascia tricolore, che ha scatenato un caso politico.

A denunciare il tutto è stato il sindaco uscente Dimitri Russo, che ha rivelato come sia stato chiamato dal presidente della Provincia Giorgio Magliocca, candidato alle Europee, “per cercare una soluzione alla figuraccia che si stavano preparando a fare davanti alla Carfagna. Per rispetto istituzionale sono stato sul posto coi vigili e nel vedere quel documento mi sono mortificato io per lui. Non ci potevo credere. Ho cercato in tutti i modi di aiutarli, davvero. Ma era tutto abusivo, anche la strada era stata chiusa abusivamente”.

Come rivela infatti il primo cittadino, per il comizio della vice presidente della Camera dei Deputati Petrella aveva organizzato un palco con luci e uno spettacolo finale di un comico di ‘Made in Sud’, provvedendo anche alla chiusura della strada. “Per un comizio/spettacolo del genere era necessario - accusa però Russo - una segnalazione di certificazione di pubblico spettacolo da presentare al Suap, con allegato progetto/pianta/cartografia; comunicazione al Commissariato di Pubblica Sicurezza per il comizio; la richiesta di chiusura della strada alla polizia municipale per relativa ordinanza di chiusura; richiesta occupazione suolo pubblico alla Polizia Municipale”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento