Bonifica dei rifiuti, il sindaco ‘richiama’ Sagliano: “Hanno i prosciutti sopra gli occhi"

Colombiano replica alle accuse di “discarica a cielo aperto”

Il sindaco Anacleto Colombiano

“I colpi bassi alla dignità della propria città non li accetto più. Parlare di discarica a cielo aperto quando invece ci sono solamente due sacchetti a terra in un territorio come San Marcellino che non è mai stato così pulito significa essere ciechi e non vedere il cambiamento”. Così il sindaco Anacleto Colombiano risponde a Francesco Sagliano de ‘La Voce’, che ha protocollato all’ufficio comunale una richiesta di bonifica di un’area di San Marcellino.

“Su quella zona stiamo lavorando per un sistema di videosorveglianza ed inoltre abbiamo già lavorato tantissimo con le guardie ambientale che in maniera volontaria stanno facendo delle cose incredibili. Nonostante questo caldo anche in questo weekend sono scesi in strada per ripulire le strade. E’ poco gratificante anche loro vedere polemiche per un sacchetto di spazzatura. Che oltretutto non è lì da mesi, forse, e ripeto forse, è lì da appena qualche giorno. Provvederemo alla bonifica dell’area ma sarebbe veramente assurdo che lo stesso Sagliano non vedesse la differenza della San Marcellino di oggi rispetto a quella del passato”.

E quindi il sindaco Anacleto Colombiano chiede uno ‘sforzo’ proprio a Sagliano: "Le polemiche non servono a nulla se poi non sono costruttive. Qua ci vogliono i fatti, come stiamo facendo ormai da quando ci siamo insediati. Se poi si hanno i prosciutti sopra gli occhi non può essere colpa nostra”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento