Un carcere-fantasma nell’appalto milionario per la raccolta rifiuti

L’errore nel capitolato da quasi 2 milioni ‘copiato’ dal bando del Comune di Carinola

Spunta un carcere nella spazzatura. È clamoroso l'errore messo nero su bianco nel capitolato d'appalto, pubblicato dal Comune di Recale, della gara per l'affidamento triennale della raccolta rifiuti.

Tra i servizi che la ditta dovrà svolgere, all'articolo 65 del bando, da 1 milione e 961mila euro, c'è quello di "raccolta rifiuti e pulizia presso i mercati e carcere mandamentale". Per l'istituto penitenziario fantasma si precisa anche che il servizio "va gestito come una utenza ordinaria, per cui la raccolta dovrà avvenire quotidianamente come da calendario. Saranno forniti alla struttura tutti i sacchetti occorrenti per le varie porzioni. I rifiuti saranno ritirati secondo le modalità stabilite dalla casa di reclusione. Per la struttura dovranno essere effettuate almeno 4 giornate di sensibilizzazione che saranno concordate con l’ufficio e la struttura carceraria".

Un refuso, visto che a Recale non ci sono patrie galere, frutto del distratto copia-incolla da un altro analogo bando, quello del Comune di Carinola, con i due paesi che appaiono (almeno nei due capitolati) praticamente identici. Da capire se il carcere incida o meno sul prezzo messo a base d'asta dell'appalto.

E considerando che la Dda ha acceso i suoi riflettori su diverse gare rifiuti, tra cui anche quella a Recale, il lapsus ha un sapore decisamente freudiano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

  • Auto esce fuori strada e si schianta contro albero su viale Carlo III I GUARDA LE FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento