Box auto abusivo, al Tar la battaglia tra proprietaria e Comune

L'Ente aveva dichiarato l'acquisizione al patrimonio dopo l'ordinanza di demolizione

Si sposta al Tar della Campania la ‘battaglia’ tra il Comune di Aversa e la proprietaria di un box auto di un condominio di via Cilea, che l’Ente con una propria ordinanza aveva acquisito al patrimonio comunale.

Lo scontro era nato a seguito dell’accertamento da parte della polizia municipale della realizzazione in assenza di permesso a costruire di una cantinola con chiusura perimetrale destinata ad autorimessa.

Il Comune aveva in un primo momento notificato una ordinanza di demolizione del box da circa 30 mq, richiesta mai ottemperata da A.D.A. Per questo l’Ente, con una seconda ordinanza a firma del dirigente Serpico dello scorso maggio, dichiarava l’acquisizione gratuita al patrimonio comunale delle opere realizzate abusivamente.

La vicenda però non si è ancora chiusa, con il ricorso presentato al Tar dai legali della proprietaria del box per l’annullamento dell’ordinanza. Il Comune si è affidato all’avvocato Giuseppe Nerone per resistere in giudizio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Sequestrati 200 kg di prodotti in un bar-pasticceria

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Trovato morto in casa: è stato ucciso a coltellate

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

Torna su
CasertaNews è in caricamento