Una bara contro il mancato sfratto: la protesta in strada | FOTO

Oggi dovevano essere mandati via dalle case che occupano da 10 anni

La singolare protesta a Sant'Arpino

A metà settembre è arrivata la sentenza del Tar che ha bocciato il ricorso degli abusivi di origine rom ‘residenti’ ormai da oltre 10 anni in via Volta a Sant’Arpino, nella lottizzazione definita ‘ex Caruso’. Stamattina ci sarebbe dovuto essere lo sgombero dell’area ma di forze dell’ordine neanche l’ombra. E quindi alcuni proprietari di immobili e di aree edificabili proprio di via Volta hanno manifestato il loro ‘disappunto’ con una singolare protesta.

bara protesta rom-2

Hanno portato in strada una bara e degli striscioni celebrando “il funerale della legalità e del diritto”. Il portavoce di questa manifestazione è Pasquale Pescatore, presidente del Consorzio ‘Via Volta’: “L’esecuzione della sentenza del Tar era prevista per stamattina, ma ancora una volta è stata rinviata. A questo punto siamo a dir poco scoraggiati e annunciamo pubblicamente che avvieremo le pratiche per rinunciare alla cittadinanza italiana e prenderne un’altra in quanto a tutti livelli, nonostante le sentenze della magistratura ordinaria arrivata molti anni or sono e amministrativa, nessuno tutela i nostri diritti”.

Dall’amministrazione di Sant’Arpino sostengono invece che le operazioni non sono ancora iniziative in “quanto la Prefettura ha ritenuto opportuno soprassedere sino a quando non saranno scaduti i termini per presentare ricorso al Consiglio di Stato avverso la predetta decisione del Tar Campania”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento