Le fogne nel Volturno, bando del Comune dopo il maxi sequestro

La gara d'appalto segue l'inchiesta della Procura sulla gestione colabrodo della rete fognaria

Il fiume Volturno a Capua

Un bando di gara da 124mila euro per affidare il servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti di sollevamento delle acque reflue a servizio della rete fognaria, quella stessa rete finita al centro di una maxi inchiesta della Procura di Santa Maria Capua Vetere che ha portato ad indagare sindaci e dirigenti del Comune di Capua e al sequestro di 10 impianti.

L’Ente ora guidato dal commissario prefettizio Ilaria Tortelli si è affidato alla Stazione Unica Appaltante per la gestione della gara d’appalto, con le offerte che potranno essere consegnate entro il prossimo 22 marzo e con l’apertura delle ‘buste’ prevista il 26 dello stesso mese.

L'INDAGINE DELLA PROCURA 

Lo scorso dicembre un’indagine della Procura sammaritana aveva evidenziato il disastro ambientale provocato dal mancato funzionamento delle pompe, che di fatto determinava lo sversamento dei liquidi fognari direttamente nel fiume Volturno. UN problema legato proprio alla mancata manutenzione nel corso del tempo, tanto da far finire nel registro degli indagati anche il legale rappresentante della società a cui erano stati affidati i lavori.

Potrebbe interessarti

  • Maschera rigenerante per capelli secchi e crespi: la ricetta della nonna

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Quanto tempo bisogna aspettare per fare il bagno dopo aver mangiato?

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

I più letti della settimana

  • Un impero da 300 milioni di euro sequestrato all'imprenditore in odore di camorra

  • Pentito non attendibile, dissequestrato l'impero milionario dell'imprenditore calzaturiero

  • Affiora cadavere in mare, dramma sulla spiaggia

  • Blitz dei carabinieri nel rione con cani ed elicotteri | FOTO

  • Tragedia sulla provinciale: muore motociclista

  • Rolex e Pandora falsi, arrestato orafo del Tarì

Torna su
CasertaNews è in caricamento