Gara per lo stadio ‘Piccirillo’, il Comune lo cede in gestione per 10 anni

L’impianto sarà anche l’anno prossimo la casa del Gladiator

Lo stadio 'Piccirillo' di Santa Maria Capua Vetere

Nell’ambito delle attività poste in essere dall’amministrazione comunale di Santa Maria Capua Vetere guidata dal sindaco Antonio Mirra con l’assessore al ramo Claudia Imparato relativamente alla gestione degli impianti sportivi, questa mattina c’è stato il via libera dalla Giunta Municipale alla disposizione degli atti volti ad una gara per la gestione pluriennale, e per la precisione per 10 anni, dello stadio comunale “Mario Piccirillo”. 

L’iter avviato dall’amministrazione mira in sostanza ad incentivare la promozione e la partecipazione allo sport valorizzando, allo stesso tempo, il miglior utilizzo possibile delle strutture sportive attraverso un rapporto tra pubblico e privato che preveda anche investimenti e migliorie agli stessi impianti da parte delle società che li andranno a gestire. 

Nelle more della nuova gara pluriennale, rispetto al campo sportivo “Mario Piccirillo”, unica struttura cittadina abilitata al gioco del calcio agonistico delle compagini sportive sammaritane regolarmente iscritte al campionato F.I.G.C. e che, in quest’ultima stagione calcistica ha fatto vivere numerose emozioni grazie ai successi dell’A.S.D. Gladiator 1924, la struttura è stata concessa in via temporanea alla stessa società sportiva per tutta la durata dalla prossima stagione agonistica e precisamente fino al 30 giugno 2020. Tale concessione, in uso temporaneo, è necessaria anche al fine dell’inoltro della richiesta di ammissione al prossimo campionato di calcio nonché per la partecipazione della squadra giovanile ai campionati organizzati dalla F.G.C. - L.N.D. Campania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

  • Uccide uccelli di specie protetta, sequestrato fucile e animali a cacciatore | FOTO

  • Pandora falsi venduti nel Tarì, scoperto il deposito: sequestrati 2860 gioielli

  • Avete sete dopo aver mangiato la pizza? Ecco i 3 motivi per cui accade

  • Riesce a non pagare 10mila euro di pedaggio autostradale con un trucco

  • Latte dei Casalesi, i nipoti di Zagaria "gente di serie A, non munnezzaglia"

Torna su
CasertaNews è in caricamento