Polemiche sull’Asprinium Festival, De Angelis: "Ecco la verità"

Il consigliere è intervenuto dopo la diatriba su 'competenze' e sviluppo dell'iniziativa

L’Asprinium Festival ha ottenuto un grande successo nei giorni di manifestazione a Cesa ma non sono mancate le polemiche sulle ‘competenze’ e sullo sviluppo di tutta l’iniziativa, così a cercare di chiarire il tutto è il consigliere comunale di ‘Centro Democratico’ Luigi De Angelis: “L’evento è stato organizzato dalla Pro Loco ed è rientrante insieme ad altre iniziative nel progetto Terre d’Asprinio. La comprensibile confusione alimentata da chi non conosce bene i termini della questione, impone dei chiarimenti a chi amministra, per evitare possibili malumori e confusioni di ruoli tra associazioni, uffici comunali e parti politiche. Terre d’Asprinio è il contenitore di una serie di iniziative che si concluderanno a maggio del 2019 ed ha beneficiato di un finanziamento regionale di circa 69mila euro nell'ambito del Poc Eventi. Il grande lavoro della Pro Loco è sotto gli occhi di tutti, ma è opportuno ribadire che il carattere della manifestazione è comunale e prevede delle procedure rigide, anche di controllo e rendicontazione, proprio perché vi è un finanziamento regionale. I venditori e gli espositori che hanno affollato la piazza, hanno potuto beneficiare del supporto logistico messo a disposizione del nostro Ente Comunale e di condizioni di favore, come la fornitura di servizi quali acqua ed energia elettrica, a carico del Comune. Dietro le luci del palcoscenico principale, c'è l'operosità di tanti attori silenziosi, responsabili d'area, dipendenti comunali, Lsu e volontari, ai quali deve essere rivolto un grande grazie”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento