Conza della Campania(Av): Tra archeologia e gastronomia

Conca della Campania - I ritrovamenti dell’antica Compsa venuti alla luce dopo il terribile terremoto dell’80 che distrusse uno dei paesi presepe più belli d’Irpinia. La volontà di risollevarsi dopo la tragedia e di volgere uno sguardo alle...

Conza_Parco_Archeologico_20070526070445

I ritrovamenti dell’antica Compsa venuti alla luce dopo il terribile terremoto dell’80 che distrusse uno dei paesi presepe più belli d’Irpinia. La volontà di risollevarsi dopo la tragedia e di volgere uno sguardo alle bellezze paesaggistiche dell’Oasi Wwf. Ed ancora le tradizioni d’Irpinia, come quella delle Maggiaiole e la cucina di pregio dell’Alta Irpinia. C’è tutto questo nel secondo evento che rientra nel programma “Passeggiate di gusto” che si terrà domani pomeriggio (26 maggio) a Conza della Campania (Av)
“Archeologia e gastronomia tra Sanniti e Romani”: questo il tema dell’iniziativa che rientra tra le attività del Pir Avellino Ambito 3 “Itinerari irpini di pregio”, progetto integrato rurale di cui la Comunità Montana Terminio Cervialto, presieduta da Nicola Di Iorio, è soggetto responsabile attuatore.
Si continua con Conza della Campania, dunque. E si utilizza un rito, una tradizione, quella delle Maggiaiole, per confrontarsi sulla prospettiva di sviluppo di un territorio che mira al turismo, in questo caso sia culturale che ambientale, come vocazione da implementare e consolidare.
L’appuntamento è per le ore 16 di domani, 26 maggio, presso la sala convegni del Parco Archeologico di Compsa. Si inizierà con una tavola rotonda. Dopo i saluti di Vito Farese, sindaco di Conza della Campania, ci sarà l’introduzione di Nicola Di Iorio, presidente della Comunità Montana Terminio Cervialto. A seguire gli interventi di Eugenio Salvatore, assessore provinciale al turismo, Milena Lardieri, esperta di marketing territoriale e coordinatrice degli eventi, Franco Arminio, paesologo, Gabriella Pescatori, funzionario della Soprintendenza ai Beni Archeologici delle province di Salerno, Avellino e Benevento, l’archeologo Vincenzo Di Giovanni, il presidente della Pro loco “Compsa”, Clemente Farese, il coordinatore dell’Oasi Wwf, Adriano Argenio, Michelangelo Lurgi, tour operator e Antonio Del Franco, presidente Ais – Campania.
A seguire una degustazione di prodotti tipici interamente dedicata alla tradizione dell’Alta Irpinia che conserva una specificità tutta sua, da tutelare e valorizzare. In programma anche una visita guidata all’area archeologica di Compsa che resta uno dei siti più interessanti della Campania per il valore dei ritrovamenti venuti alla luce.
“Con la tappa di Conza della Campania continua il ciclo di eventi – commenta Nicola Di Iorio, presidente della Comunità Montana Terminio Cervialto – denominato “Passeggiate di Gusto”. Il nostro obiettivo è quello di mettere in rete tutte le energie presenti sul territorio e di presentare una terra, l’Irpinia, che va conosciuta in tutti i suoi aspetti e secondo tutte le sue risorse. A Conza della Campania, ad esempio, si ritrovano insieme segmenti diversi tutti riconducibili al grande contenitore del turismo. Tutti gli attori del territorio, in un sistema armonico ed equilibrato, possono dare un contributo importante per uno sviluppo nuovo e sostenibile. E’ questo uno degli obiettivi che abbiamo davanti. Lavoriamo per raggiungerlo”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

  • Muore dopo incidente a scuola, un testimone ha visto Gerardina pochi minuti prima della caduta

Torna su
CasertaNews è in caricamento