Manca il certificato antimafia, bloccato l'appalto rifiuti milionario

Stop del Comune alla Senesi, non iscritta alla 'white list' della Prefettura. L'opposizione: "Fatti già noti"

Non sarà la Senesi ad occuparsi della raccolta rifiuti a Mondragone. La società di Rodolfo Briganti, che si era aggiudicata in via provvisoria l’appalto indetto dal Comune tramite l’Asmel, unica azienda ad aver partecipato alla gara, è stata infatti stoppata dal RUP del procedimento, dopo aver accertato “l’insussistenza in capo alla Senesi SpA dell’iscrizione nella white-list della prefettura di Macerata” per l’assenza della certificazione antimafia.

Una questione chiave per potere affidare definitivamente l’appalto quinquennale: l’iscrizione alla white-list è infatti “condizione imprescindibile” per poter procedere all’aggiudicazione e perfezionare il vincolo contrattuale con l’Ente.

Dubbi che erano emersi anche al momento dell’affidamento provvisorio, con il Comune che stava attendendo infatti in merito il parere dell’Anac, l’Autorità Nazionale Anticorruzione guidata dal magistrato Raffaele Cantone. Ora quindi si dovrà rifare per l’ennesima volta la gara per i rifiuti, dopo i primi tentativi non fruttuosi con la Stazione Unica Appaltante e con l’Asmel.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una vicenda che ha provocato la forte reazione dell’opposizione di centrodestra. “Come volevasi dimostrare l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Virgilio Pacifico si e’ vista obbligata a revocare l’aggiudicazione provvisoria alla Senesi - accusano i consiglieri di opposizione - proprio per assenza del requisito di cui però si era già perfettamente a conoscenza da tempo”. I consiglieri Valerio Bertolino, Pasquale Marquez, Alessandro Pagliaro, Antonio Pagliaro e Giovanni Schiappa lanciano quindi una stoccata: “A quando un’assunzione di responsabilità da parte del sindaco e della maggioranza amministrativa nell’ambito del rispetto delle regole? L’onere a chi governa, mettendoci la faccia una volta per tutte senza il paravento degli uffici comunali, troppo spesso tirati in ballo per giustificare scelte loro e non assumersi qualsivoglia responsabilità politico-amministrativa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Salvini torna a Mondragone e stavolta trova sorrisi, mozzarelle e dolci: "Cacciare bulgari fuorilegge" | FOTO

  • Tragedia al ritorno dal mare: muore 19enne, grave il fratello

Torna su
CasertaNews è in caricamento