Al Palamaggiò triangolare di basket a sostegno della campagna dell’Unicef

Castel Morrone - La solidarietà con il sorriso. Il 9 aprile, alle 10, il PalaMaggiò di Castel Morrone ospiterà «Un canestro per Unicef», triangolare di basket a sostegno della campagna dell’Unicef #tuttigiùperterra per ricordare i bambini migranti...

enrico loverso

La solidarietà con il sorriso. Il 9 aprile, alle 10, il PalaMaggiò di Castel Morrone ospiterà «Un canestro per Unicef», triangolare di basket a sostegno della campagna dell’Unicef #tuttigiùperterra per ricordare i bambini migranti morti in mare. Si sfideranno «all’ultimo canestro» gli «Amici di Unicef Italia, i comici del programma televisivo di Rai 2 «Made in Sud» e il cast del film «Gramigna», prodotto da «KlanMovie». La manifestazione, nata da un’idea di Emilia Narciso di Unicef Caserta, sarà condotta da Dino Piacenti e trasmessa in diretta radiofonica da CRC Targato Italia. Il commento sportivo sarà affidato a Giovanni Bocciero e a Sergio Donadoni, cestista vincitore nel 1991 dello scudetto con la Juve Caserta. Poiché tutti i professionisti hanno scelto di lavorare a titolo gratuito, l’intero l’incasso sarà devoluto alla campagna Unicef «Bambini in pericolo». Unicef Italia sarà rappresentata dal direttore generale Paolo Rozera, da Chiara Ricci, responsabile dell’Area volontari e programmi, e dai tantissimi volontari, la vera forza dell’organizzazione, senza i quali la manifestazione non si sarebbero potuta svolgere. «Un canestro per Unicef» è patrocinata dalla Provincia di Caserta e da «Suncreacultura» della Seconda università degli Studi di Napoli, ha come partner tecnico e prezioso compagno di viaggio la Pallacanestro «San Michele» di Maddaloni e il sostegno degli istituti scolastici «Cimarosa» di Aversa, «Gaglione» di Capodrise e «Giordani» di Caserta. Gli studenti animeranno una cerimonia di inizio che si preannuncia emozionante, simulando le onde del mare, quel mare che inghiotte vittime innocenti, e delle barche, metafora di salvezza e di speranza. Con i ragazzi, anche una delegazione della Marina militare e della Capitaneria di porto di Napoli e la Fanfare dei bersaglieri della brigata «Garibaldi» di Caserta, che intonerà l’inno d’Italia. Alcuni dei nomi, ma solo alcuni, degli «atleti» che scenderanno in campo: per l’Unicef, il direttore Rozera, i magistrati Giovanni Conzo e Nicola Graziano, il docente Sun Emilio Tucci e l’attore e regista Pierluigi Tortora. Per «Made in Sud», Mimmo Manfredi dei «Ditelo voi», Oreste Ciccariello dei «Malincomici, il duo Tony Matranga e Emanuele Minafò, Mino Abbacuccio «il tatuatore». Per «Gramigna», oltre al regista Sebastiano Rizzo e a Luigi Di Cicco (che ha ispirato il film), gli attori Enrico Lo Verso, Gianni Ferreri, Antonio Rinaldi, Gianluca Di Gennaro, Ciro Petrone, Gennaro Santoro, Roberto Caccioppoli, Luigi Bignone e Massimo Mahieux. Hanno confermato la loro presenza, tra gli altri, il presidente della provincia Angelo Di Costanzo, il rettore della Sun Giuseppe Paolisso, il viceprefetto di Caserta, Stefano Italiano, il questore di Caserta, Francesco Messina, il presidente tribunale Napoli Nord Elisabetta Garzo, il comandante provinciale dei vigili del fuoco Rosa D'Eliseo e l’ammiraglio Arturo Faraone, Direttore marittimo della Campania e comandante del porto di Napoli.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
CasertaNews è in caricamento