Palazzo comunale da abbattere, l'opposizione chiede l'intervento del Prefetto

La minoranza consiliare insorge: "Ennesima scelleratezza dell'amministrazione"

Dario Abbate

L'opposizione consiliare di Marcianise insorge contro l'abbattimento del Palazzo di via Gemma di proprietà del Comune. I gruppi consiliari, attraverso un manifesto, hanno chiesto l'intervento del Prefetto di Caserta Raffaele Ruberto per fermare l'iter che porterà all'abbattimento dello stabile con conseguente spreco di soldi pubblici.

"L'amministrazione Velardi - si legge nel manifesto - ha disposto e avviato l'iter per l'abbattimento del palazzo di proprietà comunale in via Gemma da sostituire con un parcheggio per pochi posti auto". L'immobile, considerato dall'amministrazione pericolante, fu "acquistato nel 194 dal Comune di Marcianise con una spesa di circa un miliardo di lire. Il palazzo - prosegue la nota dell'opposizione - fu poi ristrutturato con una spesa di 600mila euro per affrontare le emergenze abitative di famiglie in difficoltà economiche". Così nel corso degli anni si è riusciti a "garantire un'abitazione a vari nuclei familiari "senzatetto" e a dimostrare il forte spirtito di solidarietà che unisce la nostra Comunità. Tutto ciò sarà cancellato se questa scelleratezza non verrà fermata per tempo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sevizie dopo le proposte in chat, la 'sorpresa' su viale Carlo III: ecco come ha agito la baby gang

Torna su
CasertaNews è in caricamento